Il blog di Sandro Rizzetto

365 MTB quando le persone contano

 

Ho sempre ritenuto che nessuno è INSOSTITUIBILE (farei solo un’eccezione per il mio geniale socio Roberto!!). Ogni volta che nelle aziende dove ho lavorato, qualcuno con un ruolo importante si licenziava, c’è stato un primo momento di panico, ma dopo qualche tempo ti rendi conto che le cose vanno avanti lo stesso e che magari il sostituto ha portato una ventata di novità e si lavora anche meglio.

Quello che però è successo al giornale 365 Mountain Bike che aspettavo avidamente ogni mese in edicola mi porta a pensare il contrario. In Agosto 3 fra i più validi collaboratori (i due giornalisti Luca Masserini e Cristiano Guarco e il fotografo Matteo Cappe) decidono di abbandonarlo per iniziare una nuova avventura nel mondo digitale e il numero successivo (quello di ottobre) è già un disastro! Lo stile degli articoli passa dal fresco/scanzonato/giovane (e comunque tecnico e preciso) a uno stantío e retorico: sembra di leggere un comunicato stampa (stile Istituto Luce) mandato dal costruttore invece che gli appassionati resoconti del Masserini, obbiettivi, crudi, magari infarciti di qualche parolaccia ma che ti facevano capire subito se il test lo aveva esaltato oppure non lo aveva per niente convinto (in una mail privata nella quale gli chiedevo un parere sulle doti discesistiche di una bici mi rispose “per scendere, scendi… ma non ti viene barzotto!” Mi è bastato per capire che non dovevo comprarla, e mai scelta fu più giusta visto che dopo solo un anno quel costruttore ha completamente cambiato quel modello!)

Anche dal punto di vista organizzativo le cose sembrano essere peggiorate… la timeline di FB è piena di abbonati furiosi perché il nuovo numero non li arriva, e dopo qualche giorno un post annuncia che hanno deciso di fare 10 numeri accorpando oltre che agosto/settembre anche altri 2 mesi.

Infine il colpo di coda… cosa tira più di un carro di mtb ?? questa l’anticipazione delle foto del prossimo numero; quando sei agli sgoccioli, metti in copertina un bel c… che male non fa!

image

Va beh, peccato… Dopo lunga scrematura ti avevo scelto tra i tanti competitor… E’ stato bello leggerti per più di un anno e ritornare al piacere della carta patinata (anche se ritengo usassero font e colori troppo affaticanti) al posto di forum e riviste digitali. Ma mi hai fatto ricredere che “…people does matter…”!

Commenti (2) -

  • Davide Finetto

    13/01/2015 16:41:44 | Rispondi

    Ciao Sandro,  sono Davide Finetto uno dei redattori di 365mountainbike. Nel periodo di fine 2014 ammetto che sono stati momenti duri perchè ci siamo trovati senza una redazione e infatti, sono il 1° a dirlo, i numeri di novembre/dicembre e gennaio/febbraio ne hanno risentito parecchio e molti hanno perso, giustamente, la fiducia verso 365. Però da Marzo si è ricostituita la redazione con Direttore Mauro Cottone, storico giornalista di Ciclismo, Roberto Diani (Il baffo, ex nazionale di Downhill negli anni pionieristici e tester da quasi trent’anni), il sottoscritto e altri collaboratori come Gianluca Vernassa e lo sfortunato Walter Belli. Da lì la qualità è tornata ad essere al Top e, anzi, c'è stato un aumento di qualità dal punto di vista del digitale: il sito è stato completamente rifatto e ha preso le sembianze di un portale con la rivista sfogliabile online (dove si trovano vari contenuti multimediali) e un database con migliaia di schede atleti e tutte le rassegne iridate di coppa del mondo dalle prime edizioni ad oggi con foto e video! Una raccolta unica al mondo che verrà completata tra pochi mesi e tenuta costantemente aggiornata (è già consultabile dal nostro sito), la quale diventerà un punto di riferimento non solo in Italia. Poi nel sito troviamo molte novità che non sto qui ad elencare.

    Ti lascio alla preview del nuovo numero di Gennaio/Febbraio sperando tu possa tornare a leggerci http://www.365mountainbike.com/preview/ . - "Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma"

    • Sandro

      13/01/2015 17:00:20 | Rispondi

      Salve Davide,
      intanto grazie per aver speso del tempo a commentare "un blog minore" e complimenti per l'autocritica. So che non deve essere stato facile nei primi tempi (ne parlavo con Luca Masserini durante un corso Gravity School) e sono contento di sentire che vi siete ripresi alla grande.
      In bocca al lupo per il proseguio dell'avventura...

Pingbacks and trackbacks (2)+

Aggiungi Commento

Copyright © 1997-2017 Sandro Rizzetto | All Rights Reserved | Riproduzione delle fotografie vietata | Powered by me