Altipiano del Renon

Soprabolzano - Corno del Renon - Collalbo

Giro paesaggisticamente molto bello, ci vuole una media condizione e la salita può essere abbreviata prendendo la cabinovia del Pemmerm; il tratto di discesa del 9 è abbastanza tecnico e roccioso e adatto a chi padroneggia un po’ di dimestichezza con i trail scoscesi.

La partenza è da Soprabolzano, paesino che si può raggiungere da Bolzano città pedalando (bravi!!), con la nuova cabinovia che parte da poco distante la stazione treni oppure in macchina (possibilità di parcheggi gratuiti poco prima del paese). Se partite da Bolzano ricordate che i 2 trail per tornare in città (il 2 o il 3) sono vietati alle biciclette, poi ognuno fa come vuole…

Da Soprabolzano iniziamo la salita sul Geirerweg in direzione Tann; dopo un brevissimo tratto di asfalto inizia subito il tratto boschivo che passa davanti al Kaserhof dove possiamo fare due foto ai lama che pascolano (soprattutto ai cuccioli). Proseguiamo sempre nel bosco, attraverso anche un tratto sassoso in una specie di letto di fiume rosso, dove possiamo affinare la nostra tecnica in salita e arriviamo all’albergo Tann dove purtroppo inizia un breve tratto asfaltato che ci conduce al parcheggio del Pemmerm. Da qui come detto possiamo prendere la cabinovia che ci farebbe risparmiare 500 metri di dislivello, oppure iniziare la forestale bianca che in 5,5 km ci porta al cosiddetto “cornetto” (Unterhorn).

Puntiamo verso il secondo gasthof (Felturner Hütte) e se ne abbiamo voglia (per qualche foto bella ne vale la pena) saliamo verso il punto più alto del giro, ovvero il Corno del Renon (2260). Qui, se troviamo posto e abbiamo pazienza possiamo rifocillarci, altrimenti torniamo giù purtroppo dalla stessa strada, in quanto la cosiddetta “direttissima” è vietata alle bici (poi dipende sempre dall’orario e da quanta gente c’è, ma occhio che una volta ad un mio amico lo ha aspettato quasi alla fine della discesa una guardia forestale ed invece che dargli una multa pecuniaria gli ha inflitto di tornare su a piedi spingendola!!)

Ridiscesi al Cornetto, è ora di iniziare la parte più divertente, ovvero la discesa dal sentiero tecnico 9; si imbocca il 19 come per tornare alla stazione a monte della cabinovia ed a un certo punto, tra i bassi cespugli di vegetazione alpina teniamo la sinistra per iniziare il trail. Non c’è mai nessun punto da scendere o da fermarsi, ma occhio che il terreno è molto roccioso e in certi punti pieno di radici.

Appena si rientra nel bosco, seguire le indicazioni per la Tann; quando saremo arrivati nei suoi pressi però, giriamo sul 3A in direzione del ristorante Bad Sies. Nel cortile del maso scavalchiamo uno stretto cancelletto e ci buttiamo giù per un rato che finisce su uno stretto ponticello (il manubrio è più largo, o lo passate in wheelie oppure occhio!).

Proseguiamo sempre per bellissimi prati e con lo Sciliar davanti a noi fino giù al paese di Collalbo: da qui il ritorno a Soprabolzano avviene per la Freudpromenade molto bella e rilassante.

Chi è salito dalla città, la raggiungerà o attraverso i (vietati) trail 2 o 3, oppure dalla strada statale.

Download Traccia GPX

PhotoGallery