Il blog di Sandro Rizzetto

Uscita la 4.0 !!

 

Il prodotto in questione è il sottoscritto... sono arrivati i fatidici "anta" e anche se non è il caso di fare grandi bilanci alla "I miei primi 40 anni" stile Lante delle Rovere mi preme buttar giù un paio di considerazioni:

Mi sento di vivere in un'elitè, in una cerchia ristretta di fortunati che secondo me copre all'incirca il 5% (o forse anche meno) della popolazione mondiale, e questo per i seguenti motivi:

  • Vivo in uno degli otto/dieci paesi piú industrializzati del mondo e per quante magagne abbia la nostra Italia non possiamo dire di non avere fortuna ad essere nati in un posto così invece che in un deserto del Mali o in una palude dell'Amazzonia; reddito pro capite, qualità della vita, assistenza sanitaria, infrastrutture, democrazia, cibo... possiamo lamentarci (a ragione) di mille cose ma poi non è che ce la passiamo così male.
  • Tra i posti dell'Italia che il fato mi ha assegnato, non mi è andata male neanche qui... vivo in una cosiddetta "isola felice" e anche se nuovamente le contraddizioni e i rovesci della medaglia non mancano, non si puó escludere che l'Alto Adige abbia un tenore di vita e una qualità dei servizi (sanità, uffici pubblici, strade) migliore di molti altri posti del nostro Stivale. Oltre a ciò non è una zona sismica, non avvengono (finora) grossi sconvolgimenti meteorologi tipo tifoni o tornadi, non ho vicino fiumi o torrenti che possono esondare o montagne che possono franare.
  • Ho entrambi i genitori vivi e vegeti, che cercano di godersi la loro meritata pensione, che mi amano come il primo giorno che sono venuto al mondo e che non dovrei smettere mai di ringraziarli per tutto ciò che hanno fatto per me; se ci pensate non è una cosa così ovvia e scontata, solo che ci si pensa solo quando è troppo tardi...
  • Stesso discorso per la mia Silvia (compagna/moglie/amica/amante/infermiera/mamma e altre n cose) che ha condiviso con me quasi il 50% di questi 40 anni e dire che ci amiamo come il primo giorno sembra banale e sdolcinato, ma è la verità
  • A parte qualche piccola magagna (nulla in confronto a chi sta veramente male) fondamentalmente la salute ha retto bene e spero proprio che continuerà a farlo per il futuro; non c'è nulla che valga la pena di barattare per lo stare bene fisicamente e quando questo non succede (sia per sè stessi che per i tuoi cari) tutto passa in secondo piano.
  • Ho un lavoro che mi piace; le mattine che mi sveglio e impreco perchè devo andare a lavorare sono una piccola percentuale durante l'anno. Non è fisicamente faticoso, non si soffre il freddo (o il caldo), è intellettualmente stimolante, non è ripetitivo, mi dà la possibilità di imparare cose nuove ogni giorno, di conoscere clienti e partner che ti possono arricchire e da cui possono nascere anche belle amicizie, ho colleghi con cui in 10 anni non ricordo mai di aver litigato o anche solo alzato la voce, ho il mio ufficio privato, i miei benefit, la mia indipendenza...
  • Ho un appartamento di proprietà, comprato con i propri risparmi, pagato il mutuo con le proprie fatiche (non che biasimi chi lo eredita o se lo fa regalare, anzi buon per lui), arredato e personalizzato con i propri gusti; insomma un tetto e una sicurezza su cui contare. 
  • I soldi non danno la felicità... figurati la miseria !! Economicamente non mi posso lamentare... con due stipendi medi e la "fregatura euro" non possiamo dire di essere dei ricconi, ma quando riesci ad arrivare a fine mese senza nessun problema, di poterti permettere piú di una bella vacanza all'anno, di poter soddisfare tutti i tuoi hobby, di poter spendere in cose talvolta futili e inutili ma che sono quelle che al momento ti appagano maggiormente e magari anche di mettere via nella "zucca arancione" qualcosina all'anno, beh allora se ti puoi permettere tutto questo non sarai Beckham ma dovrebbe bastare e avanzare.
  • Ho avuto la possibilità di viaggiare e di conoscere posti e culture diverse dai nostri; la lista è piccola rispetto a tutto ciò che c'è ancora da vedere, ma 4 continenti su 5 li ho toccati e sono felice di aver visto grandi opere di Madre Natura (dal Gran Canyon alle barriere coralline) insieme a grandi opere dell'Uomo (pagode dorate orientali, piramidi, i mezzi per raggiungere lo spazio, ecc.)
  • La fortuna della condizione salutare di cui sopra, (unita ad una forma fisica passabile) mi consente di avere praticato sport a un buon livello e di continuare a farlo ancora oggi regalandomi emozioni che solo la fatica (es. la conquista della cima in Mtb dopo faticose pedalate) o il gesto tecnico ben eseguito (una curva "carvata" bene sugli sci, o un gol segnato dopo una bella azione a hockey) possono dare.
  • Ho la fortuna per il 99% della mia vita di avere fatto quello che mi piace, o se vogliamo metterla al contrario, di NON dover fare quello che NON mi piace; non ho fatto il militare (quindi non ho mai dovuto sottostare a inutili pressioni o angherie), quasi da subito ho lavorato senza "padroni" o "capi", nella mia infanzia/adolescenza non sono stato mai costretto dai miei a fare lavori di casa o qualsiasi cosa che mi potesse disturbare e ancora oggi grazie a Santa Silvia posso permettermi di essere uno dei pochi mariti che non ha incombenze casalinghe (e vorrei tanto che fosse la stessa cosa per lei). O sono particolarmente bravo a delegare e/o svicolare, oppure ancora una volta sono FORTUNATO !

La lista (che non è assolutamente ordinata per importanza, sono tutti pensieri che mi venivano al momento) potrebbe continuare... forse qualcuno leggendola si sarà immedesimato in uno o tutti i punti, e spero che abbia fatto riflettere e reso consapevoli che NON SO A CHI ma a qualcuno/qualcosa dobbiamo sicuramente dire GRAZIE o perlomeno io oggi mi sento di farlo...

Sandro
22 gennaio 2007

UPDATE: Giustamente già un paio di persone mi hanno fatto notare che tra i punti ne manca uno fondamentale quanto gli altri: avere amici che ti rispettano, ti stimano e ti vogliono bene... E anche questo PER FORTUNA  "celo..." :-)

Commenti (1) -

  • Silvia Molinari

    31/01/2007 03:16:15 | Rispondi

    Ciao,


    Mi chiamo Silvia e sono capitata per caso nel tuo sito (cercavo delle foto del Lonely Cypress, a Monterey Bay, CA, che ho da poco visitato....giusto per un confronto fotografico!).


    Hai davvero un bel sito, complimenti!


    Io ho da poco acquistato una reflex (Nikon D80) ma per ora le foto che ho messo nel mio fotoalbum (di cui ti mando l'indirizzo, se ti andasse di visitarlo) sono state fatte con una digitale compatta. Sono anche piuttosto "ignorante" in fatto di fotografia (da un p.d.v. tecnico), anche se mi piace tantissimo. Io e mio marito viviamo temporaneamente a San Jose, California (per lavoro) e nei fine settimana cerchiamo di scoprire il più possibile quello che ci circonda. Sono anche appassionata di siti web, ma anche qui (ancora!) sono piuttosto ignorante in merito: sto costruendo un sito personale con FrontPage, molto semplice, ma, sono messa male per la parte delle foto. Ho letto che sei un super-esperto in merito e se per te non è un problema, volevo chiederti se conoscevi qualche software facile (e magari scaricabile gratuitamente da internet) con cui presentare bene le foto nel sito, senza dover ricorrere al photogallery fornito da FrontPage. Insomma, qualcosa di carino e ad effetto per mostrare tante foto su una stessa pagina (magari nella stessa pagina una parte laterale con le thumbnail da selezionare e la foto ingrandita).


    Volevo anche dirti che quello che hai scritto sul blog (i motivi perchè ti senti una persona fortunata) lo condivido appieno e da quando vivo qui lo sento ancora di più. Bravo, sante parole! Smile


    Il mio indirizzo di email è silvia_molinari@yahoo.com, nel caso avessi un suggerimento per le foto nel sito!


    Spero di non averti disturbato e ti ringrazio in anticipo.


    Ciao!


    Silvia

Aggiungi Commento

Copyright © 1997-2017 Sandro Rizzetto | All Rights Reserved | Riproduzione delle fotografie vietata | Powered by me