Il blog di Sandro Rizzetto

Asus Eee PC 1000H

 

Nelle ultime vacanze fatte ho sentito la particolare mancanza di un mezzo che mi consentisse di navigare (per il meteo del giorno dopo, google map, home banking, ecc.) e ogni tanto di spedire/ricevere mail e pensavo che un moderno cellulare o pda potesse soddisfare questa esigenza. Poi però ho pensato che avrei dovuto anche cambiare l'hard disk portatile che finora accompagnava la mia fotocamera digitale, in quanto i 30 Gb con la futura Full Frame che "spara" Raw da 25/35 Mb l'uno rischiano di essere pochi. Ed inoltre imminenti viaggi di lavoro rendevano necessario portarsi dietro un PC per essere sempre online con l'ufficio via VPN.

Riassumendo: mi serviva un PC portatile, ovviamente con wifi e bluetooth per navigare, con un disco capiente, leggero da portarsi in giro e possibilmente economico :-) Tutto ciò l'ho trovato nell'Asus EEE Pc modello 1000H, che per meno di 400 euro ti consente di portarti a casa un sub-notebook (o netbook ?) con Windows XP Home, 1 Gb di ram, 160 Gb di disco, ethernet, wifi, bluetooth, 3 usb, webcam integrata, porta vga esterna, jack mic e cuffie e due altoparlantini marchiati addirittura Dolby Sound Room (per vedersi i film in aereo ?).

Dopo una settimana di uso, posso dirmi molto soddisfatto. Monta un processore Intel Atom da 1,6 Ghz piú che sufficiente per i normali programmi di Office Automation e che consuma poco. Certo le 7 ore dichiarate sono come i 5 lt/100 Km di molte case automobilistiche (ovvero ci riescono solo loro a farli), ma comunque con la wifi e l'hd che vanno in continuazione ho sfiorato le 5 ore. La tastiera ha i tasti leggermente più piccoli dei normali, ma la velocità di digitazione non ne risente particolarmente. Il monitor da 10" ha una risoluzione nativa di 1024x600 (oltre a un 1024x768 scrollabile o compresso entrambi inutili) ed era quello che mi precoccupava di più: invece le pagine web si vedono tutte quante tranquillamente semmai anche ricorrendo al fullscreen (f11). Con la barra di Windows in modalità autohide anche programmi con molti panel (come Outlook  o Rssbandit) si usano tranquillamente. Ovvio, usarci un Visual Studio o un Premiere non penso sia il massimo, ma non nasce certamente per quello. Sarò curioso di vedere tra pochi giorni, quando sarò all'estero per lavoro/svago, se alla sera sarà possibile dare già una prima scremata alle foto scattate usando Lightroom o DPP.

Commenti (1) -

  • ilaria

    12/11/2008 10:54:29 | Rispondi

    uffa.
    è da tempo che controllo i tuoi nuovi post per scriverti un bel commento ma sono tutti argomenti di cui non so assolutamente nulla.. sono proprio ignorante. Non mi resta che salutarti e confessarti che mi manca il tuo apporto al mio blog (i tuoi commenti erano tra i più graditi..sigh sobb). Salutami Appiano. Sai che per la prima volta ho fatto il TORGHELEN? come diavolo si scrive?

Aggiungi Commento

Copyright © 1997-2017 Sandro Rizzetto | All Rights Reserved | Riproduzione delle fotografie vietata | Powered by me