Il blog di Sandro Rizzetto

Ryanair, benefattrice o impero del male?

 

È di pochi giorni fa la notizia che a causa dei lavori alla pista dell’aeroporto di Orio al Serio, Bergamo, i dipendenti di RyanAir dovranno sobbarcarsi lunghi viaggi di andata e ritorno fino a Malpensa togliendo queste ore a quelle legittime di riposo. Molti diranno “e le centinaia di furgoncini pieni di muratori bergamaschi che si vedono ogni giorno fare su e giù per l’A4?”; la sottile differenza è che io non vorrei mai essere operato da un chirurgo stanco e oberato di straordinari, come non vorrei mai essere su un volo con un pilota assonnato e incazzato perché si è appena fatto 2 ore di coda sull’Autostrada dei Laghi!

E’ indubbio che la compagnia irlandese sia stata la prima ad aprire il mercato delle low-cost, a rompere l’oligarchia delle compagnie tradizionali (che facevano pagare un Milano-Roma quanto un volo per Sydney) e a permettere a tutti di potersi concedere un week end in una capitale europea al costo della benzina della scampagnata fuori porta.

Però a mio avviso in questi anni ha un po’ troppo tirato la corda: i costi nascosti all’atto della prenotazione sul loro sito sono spesso imprevedibili (tra l’altro consiglio sempre di cercare i voli Ryanair su volagratis), la finta diligenza con la quale controllano il centimetro o il grammo fuori posto del tuo bagaglio a mano sfiora il ridicolo, la pulizia e il confort all’interno dei loro aeroplani lascia un po’ a desiderare, per non parlare delle distanze siderali dei loro aeroporti dal centro delle città.

Intendiamoci, sono perfettamente d’accordo con chi dice “se non sei un viaggiatore da low-cost, lascia perdere” e spesso mi arrabbio anche io quando vedo nostri connazionali che pensano di essere i più furbi del mondo (se la regola è UN SOLO bagaglio a mano, perché ti presenti al gate con trolley, borsa, sacchetto di plastica e borsetta macchina fotografica??! Ci sei o ci fai??).

Forse sono troppo viziato, ma visto che ormai spesso le compagnie di bandiera offrono prezzi simili e altre low cost sono più “easy” (ogni riferimento è voluto!)  le mie preferenze andranno altrove.

Aggiungi Commento

Copyright © 1997-2017 Sandro Rizzetto | All Rights Reserved | Riproduzione delle fotografie vietata | Powered by me